Skip to content

EAGLEBUSINESSASSN.ORG

Eaglebusinessassn

EUROCODICE 1 SCARICA


    Contents
  1. Approfondimenti & Download
  2. Eurocodice 1 PDF
  3. In questa pagina puoi trovare la lista degli eurocodici
  4. Eurocodici (EC)

Eurocodice 1 HOT. Scarica. Eurocodice 1 - EN - Azioni sulle strutture. Information. Creato Modificato il. Versione: Dimensione KB. Archivio documentale del portale Strutture e Didattica. Risorse normative, tecniche e didattiche disponibili al download. Scarica in formato PDF, TXT o leggi online su Scribd. Segnala contenuti eurocodice 1 pdf italiano download. Secondo lEuroCodice 1 e. Eurocodice 1 - Azioni sulle strutture - Parte Azioni in generale - Carichi da neve. EC UNI EN Eurocodice 1 - Azioni sulle strutture. Guida all'Eurocodice 1 Azioni sulle strutture: EN - e da a e software sarà possibile scaricare gli eventuali aggiornamenti dei.

Nome: eurocodice 1
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file:32.16 MB

EUROCODICE 1 SCARICA

See on Scoop. Basi di calcolo e azioni sulle. Eurocodice 1, Azioni. Il documento disponibile come file pdf separato in cap. LEurocodice 1 fornisce le indicazioni necessarie per determinare le azioni. Supplemento ordinario n. LEurocodice 1 fornisce le indicazioni necessarie per determinare le azioni di calcolo sulle strutture, in vari frangenti, dai carichi dovuti alla folla e alla neve.

Il requisito che l edificio mantenga la stabilità per un congruo periodo di tempo è tradizionalmente relazionato al tempo di resistenza ad uno standard fire test prova di resistenza al fuoco standard.

I dettagli relativi a vantaggi e svantaggi delle prove standard sono discussi nella Sezione 3. I requisiti di resistenza al fuoco contenuti nelle linee guida del Documento Approvato si riferiscono direttamente al tempo di resistenza al fuoco, e si ipotizza, spesso erroneamente, che vi sia una relazione biunivoca tra la resistenza della struttura ad uno standard fire test e la resistenza in un incendio reale.

Il criterio di progettazione tradizionale è che la resistenza al fuoco sia superiore al tempo richiesto dalla normativa, tempo stabilito in base alla tipologia di fabbricato ed alla sua desinazione d uso. Questo è il metodo con cui è progettata la stragrande maggioranza degli edifici. La natura prescrittiva dei regolamenti ha ostacolato lo sviluppo di un approccio più razionale alla progettazione antincendio degli edifici.

Fino alla fine degli anni 70, il calcestruzzo era la forma più comune di protezione antincendio per strutture in acciaio. Tuttavia, l elevato costo di questa forma di protezione, unita al problema del distacco spalling in caso di incendio, ha portato allo sviluppo di metodi alternativi, tra cui i più frequentemente utilizzati sono: verniciatura a spruzzo con materiali isolanti; pannelli resistenti al fuoco; combinazione di entrambi i sistemi.

Rivestimenti intumescenti sono da preferire alle metodologie più tradizionali, mentre i sistemi a spruzzo si utilizzano più frequentemente quando la struttura in acciaio non è visibile, come ad esempio nel caso di coperture nascoste da una controsoffittatura. L uso dei pannelli antincendio è preferito invece quando la protezione è esposta, visibile.

Approfondimenti & Download

Negli uffici moderni con struttura in acciaio, la forma più comune di protezione è quella di applicare vernice a spruzzo sulle travi e di proteggere le colonne con pannelli. Un utile fonte di informazione sui materiali resistenti al fuoco usati comunemente è The Yellow Book [11] pubblicato congiuntamente dall Associazione degli Specialisti Antincendio e dall Istituto delle Costruzioni in Acciaio SCI.

Il Libro The Yellow Book fornisce informazioni sullo spessore della protezione per determinati tempi di resistenza al fuoco. Un importante cambiamento nella metodologia di progettazione al fuoco delle strutture in acciaio è avvenuto con la pubblicazione nel della norma inglese BS BS Parte 8 [12] successivamente rivista nel [13].

Sebbene questa norma si basi ancora sulla valutazione delle prestazioni dei componenti strutturali in acciaio e misti acciaio-cls tramite prove di incendio standard, essa pemette agli architetti ed ingegneri di avere un approccio alla progettazione al fuoco alternativo, basato su calcoli.

A differenza del Documento Approvato, questa nuova norma si preoccupa solo di limitare la propagazione del fuoco e ridurre al minimo il rischio di collasso strutturale.

Essa riconosce che non esiste una singola temperatura di collasso per tutti i componenti in acciaio e che il cedimento di un componente della struttura dipende non solo dalla temperatura, ma anche dall entità dei carichi, dalle condizioni di vincolo e dalla presenza o meno di un gradiente termico nella sezione o lungo lo stesso componente.

La Norma consente anche di considerare gli incendi naturali, ma non fornisce in merito alcuna informazione dettagliata né alcuna guida. Sono riportati invece i coefficienti di combinazione dei carichi e i coefficienti parziali dei materiali CAPITOLO 1 - Introduzione 5 18 specifici per lo stato limite d incendio. Questi sono coefficienti che tengono conto dell incertezza nella distribuzione probabilistica del carico e delle proprietà dei materiali, e rappresentano una riduzione rispetto alla progettazione a temperatura ambiente, in considerazione della bassa probabilità che un carico elevato sia presente contemporaneamente all evento di incendio.

Eurocodice 1 PDF

Questo è il rapporto tra il perimetro riscaldato e l area della superficie lorda della sezione, per tener conto della differente velocità con cui le differenti sezioni in acciaio si riscaldano durante un incendio.

Lo spessore della protezione antincendio è quindi ricavato dal Yellow Book in funzione di determinati periodi di resistenza al fuoco e di determinati Fattori di Sezione o, in alternativa, calcolato secondo la formula riportata in Appendice D della norma BS Parte 8 [13].

Tra i metodi di calcolo contenuti nella BS Parte 8 c è il metodo della temperatura limite. Questa procedura, semplice ma efficace, utilizza il concetto di rapporto di carico - cioè il rapporto tra il carico sopportato durante l incendio e la capacità portante a temperatura ambiente - per determinare una temperatura limite, da confrontare con la temperatura di progetto, e valutare quindi la necessità di protezione passiva.

Si deve ricordare che il metodo della temperatura limite non è applicabile a travi soggette ad un elevata azione di taglio, e che vanno utilizzati i coefficienti parziali ridotti per lo stato limite d incendio.

In questa pagina puoi trovare la lista degli eurocodici

E un metodo non largamente utilizzato, visto che è obbligatoriamente necessaria la conoscenza del diagramma della temperatura lungo il componente. Il momento resistente di progetto è determinato, ad una data temperatura del componente critico, attraverso l uso di un coefficiente riduttivo della tensione di snervamento. Se il valore di M f supera il momento sollecitante allo stato limite d incendio allora la trave non richiede alcuna protezione.

Nella BS Parte 8 sono trattate anche le solette con struttura composta acciaiocls, e per esse si prevede l uso di semplici tabelle con dimensioni critiche e temperatura, che possono comunque far parte di un analisi di progettazione antincendio più approfondita. Nella versione originaria di questa norma è presente un utile diagramma di flusso, che riassume le opzioni e le procedure disponibili; tutta questa parte, comunque, è stata rimossa dalla revisione del della norma.

Tale guida contiene valori tabellati dei fattori di sezione per le sezioni ed i metodi di protezione più comunemente utilizzati, nonché distinti capitoli che si occupano dei metodi di calcolo della temperatura limite e del momento resistente. Essa fornisce inoltre esempi di progettazione per illustrare l uso della norma Le disposizioni di legge relative alla resistenza al fuoco delle strutture in calcestruzzo sono contenute nel BS Parte 2 [5] e si basano sui risultati di prove standard [15].

Le attuali disposizioni normative contenute nella BS si riferiscono a dati pubblicati nella Guida per la Costruzione con Elementi Strutturali Resistenti al Fuoco [10] e tengono conto di differenti aspetti, a seconda che si utilizzi calcestruzzo 6 CAPITOLO 1 - Introduzione 19 normale o alleggerito, per travi e pavimentazioni, e tengono conto degli aspetti benefici della continuità nella resistenza al fuoco.

Le disposizioni tabulate per dimensioni minime e copriferro minimo sono basate sulla necessità di limitare l aumento di temperatura sulla parte non esposta e di mantenere la stabilità per un periodo ragionevole. Questo obiettivo viene raggiunto utilizzando uno spessore di calcestruzzo sufficiente a limitare la temperatura al di sotto di C sulla parte non esposta, ed un copriferro sufficiente a limitare la temperatura delle armature ai C C per i cavi precompressi. In generale, queste disposizioni hanno dimostrato, in base all esperienza di incendi reali, di garantire un livello di sicurezza accettabile.

Guarda questo: SCARICA LEAFSNAP

Lo sviluppo degli Eurocodici ha fornito ai progettisti del Regno Unito la possibilità di adottare nella progettazione di strutture in calcestruzzo un approccio prestazionale, basato sugli effetti degli incendi reali, tenendo conto degli aspetti positivi del comportamento di interi edifici e dell intrinseca continuità e robustezza di edifici in calcestruzzo realizzati con dettagli costruttivi corretti.

Le parti degli Eurocodici dedicate al fuoco definiscono un nuovo modo di affrontare la progettazione antincendio.

Agli ingegneri che hanno familiarità con la Parte 8 della BS , le procedure di progettazione contenute nella EN risulteranno relativamente familiari. Invece per progettisti di strutture in c.

Tuttavia, il metodo di progettazione al fuoco previsto dagli Eurocodici offre al progettista una maggiore flessibilità nell approccio al problema. Le opzioni disponibili vanno da una semplice considerazione del comportamento del singolo componente soggetto ad un incendio standard fino al considerare i parametri fisici che influenzano lo sviluppo del fuoco insieme all analisi dell intero edificio, e tutte queste opzioni sono illustrate con maggiore dettaglio nel capitolo 2.

Informazioni sulle azioni termiche per l analisi della temperatura sono ricavate dalla EN ; il metodo utilizzato per calcolare l aumento di temperatura nelle strutture in acciaio sia per quelle protette che per quelle non protette si trova nella EN e nella EN ; i valori della temperatura dei componenti in calcestruzzo esposti al fuoco sono tabellati nella EN Le procedure di progettazione per stabilire la resistenza strutturale sono riportate nelle parti dedicate al fuoco della EN , EN ed EN , ma le azioni o i carichi da utilizzare per la valutazione sono riportate nell apposita parte della EN La procedura semplificata ed i rapporti tra la diverse Norme Europee sono illustrati nel capitolo Campo di applicazione del EN , EN , EN e EN La EN [16] è la parte dell Eurocodice 1 dedicata al fuoco.

Va utilizzata insieme alle parti relative al fuoco degli Eurocodici dal 2 al 9, che si occupano della CAPITOLO 1 - Introduzione 7 20 progettazione con diversi materiali ed in situazioni particolari. Una descrizione più dettagliata della natura e della portata degli Eurocodici strutturali si trova in un altro volume precedentemente pubblicato da questa stessa serie [17].

La EN fornisce i principi generali e le azioni per la progettazione strutturale di edifici e costruzioni civili ed è valida solo se la progettazione a temperatura ambiente è condotta conformemente ai relativi Eurocodici strutturali. Le curve temperatura-tempo azioni termiche negli EC utilizzate per l analisi strutturale possono essere nominali o basate su modelli di incendio reali.

Eurocodici (EC)

Una tipica curva nominale è quella standard ISO [18], BS Parte 20 [19], BS EN [20] , utilizzata per determinare la resistenza in caso d incendio, o la curva più severa degli idrocarburi, usata tra gli altri dalle industrie petrolifere Maggiori informazioni sono disponibili nel Capitolo 3 Sezione 3.

I modelli che si basano sugli incendi naturali comprendono l approccio parametrico, il metodo del tempo equivalente e calcoli avanzati come i modelli a zone o a campi. Maggiori informazioni sono fornite nel capitolo 3. La parte relativa al fuoco dell Eurocodice per la progettazione di strutture in acciaio, la EN [21], come la BS Parte 8 contiene informazioni sulle proprietà dell acciaio ad elevate temperature, da utilizzare nei modelli di calcolo per determinare la resistenza ad elevate temperature.

Tuttavia, ci sono un certo numero di differenze significative tra i documenti europei e quelli nazionali della Gran Bretagna. Classi di consistenza del calcestruzzo. Classi di esposizione delle opere. Il nuovo calcestruzzo. Editore Enco , pp. Servizio Tecnico Centrale. Linee guida sul calcestruzzo strutturale Lezione: Il conglomerato cementizio armato Prove in laboratorio e in situ del conglomerato cementizio.

Caratteristiche meccaniche del conglomerato cementizio: resistenza a compressione e a trazione; modulo elastico. Parte Azioni sulle strutture - Massa volumica, pesi propri e carichi imposti.

Parte Azioni sulle strutture - Azioni sulle strutture esposte al fuoco. Parte Azioni sulle strutture - Carichi da neve. Parte Azioni sulle strutture - Azioni del vento. Parte 4: Azioni su silos e serbatoi. Progettazione delle strutture di calcestruzzo. Parte Regole generali e regole per gli edifici.

Progettazione delle strutture in calcestruzzo. Parte Regole generali - Progettazione della resistenza all'incendio.